Chirurgia della cataratta
 
 


La chirurgia della cataratta consente di rimuovere e sostituire il cristallino opacizzato con una lente intraoculare artificiale (IOL). L’intervento permette al paziente di riacquistare una visione chiara di forme e colori.

IN CHE COSA CONSISTE L’INTERVENTO DI CHIRURGIA DELLA CATARATTA?
Dopo l’applicazione dell’anestetico topico, si effettua una piccola incisione per poter introdurre una sonda ad ultrasuoni (il facoemulsificatore) che frammenta e aspira il cristallino opacizzato. Si procede poi all’inserimento della nuova lente intraoculare pieghevole, che può anche compensare eventuali difetti visivi. L’occhio viene bendato per le prima 24 ore, l’intervento generalmente non richiede alcuna sutura.

L’intervento dura circa 15 minuti.

CHI SI PUÒ SOTTOPORRE ALLA CHIRURGIA DELLA CATARATTA?
L’intervento di chirurgia della cataratta è l’operazione più frequente nella chirurgia oculare. Data la sua mini invasività è raro che vi siano casi di inoperabilità, che possono essere dovuti alla presenza di altre patologie. È sempre opportuno effettuare una visita oculistica completa ed altri esami che il chirurgo ritiene necessari prima di procedere all’intervento.

QUALI SONO I RISULTATI DOPO LA CHIRURGIA DELLA CATARATTA?
In assenza di altre patologie, normalmente il paziente ha un recupero della vista eccellente nei giorni successivi all’intervento. Dopo l’operazione, il paziente può avvertire bruciore e fotofobia che spariscono dopo circa 48 ore.

Questo sito utilizza i cookies per facilitarne la navigazione ed il funzionamento. Utilizzandolo si accettano le modalità attuali.