Chirurgia refrattiva


La chirurgia refrattiva con laser ad eccimeri (link) permette di correggere i difetti di vista. Attualmente è possibile correggere la miopia, l’ipermetropia, l’astigmatismo e, almeno in parte, la presbiopia.
Lo scopo della chirurgia refrattiva è quello di aumentare la capacità visiva naturale, di eliminare o ridurre l’impiego degli occhiali e delle lenti a contatto, di migliorare la qualità di vita del paziente Non tutte le persone possono essere sottoposte a chirurgia refrattiva.
Alcune malattie della cornea (per esempio il cheratocono) non consentono di effettuare l’intervento di chirurgia refrattiva. Una accurata visita preoperatoria consente di valutare se l’occhio può essere sottoposto a questo tipo di intervento e a quale tecnica (link).

PRE-INTERVENTO

E’ di fondamentale importanza sospendere l’uso delle lenti a contatto (LAC) prima di sottoporsi alla VISITA pre-intervento:
20 giorni di sospensione per LAC morbide
30 giorni di sospensione per LAC rigide e gas permeabili
Ciò è di fondamentale importanza in quanto le lenti alterano la geometria della cornea. E’ dunque necessario che la cornea abbia ripreso la propria geometria prima di eseguire gli esami strumentali e la visita.

IL GIORNO DELL’INTERVENTO

il paziente dovrà essere accompagnato in quanto non potrà guidare nelle prime ore successive all’intervento.
Dovrà assumere i farmaci sistemici che assume quotidianamente.
Non dovràessere né truccato né profumato.

Questo sito utilizza i cookies per facilitarne la navigazione ed il funzionamento. Utilizzandolo si accettano le modalità attuali.