Sei cibi natalizi che fanno bene alla vista

Sei cibi natalizi che fanno bene alla vista

Alcuni cibi, come le carote, i pomodori e i cereali fanno bene alla vista. Ma diciamoci la verità, durante il mese di dicembre questi alimenti non sono esattamente in cima alla lista della spesa.

Le feste natalizie sono alle porte ed è ormai da qualche settimana che i pranzi e le cene del weekend con parenti e amici si chiudono con frutta secca, panettoni e pandori.

Anche quando facciamo la spesa cerchiamo le leccornie più sfiziose con cioccolato, canditi e dolcetti.

Ecco quindi qualche consiglio su come scegliere i cibi che fanno bene alla vista, ma che strizzano l’occhio alle tradizioni culinarie e alle prelibatezze del periodo natalizio.

I sei cibi natalizi che fanno bene alla vista

Anche durante il Natale, quando il conto delle calorie aumenta e ci concediamo qualche porzione in più e non rinunciamo a snack e dessert, è comunque possibile scegliere dei cibi che fanno bene alla salute dei nostri occhi.

  1. Noci e mandorle
  2. Mandarini e clementine
  3. Fichi secchi
  4. Lenticchie
  5. Cioccolato e torrone
  6. Vino rosso
Noci e mandorle

Il cestino della frutta secca è una costante durante le vacanze di Natale. Anziché scegliere le arachidi, le comuni noccioline, possiamo preferire noci e mandorle.

Le noci sono ricche di vitamina E e antiossidanti che nutrono i tessuti. Gli omega 3, gli acidi grassi presenti nelle noci, aiutano anche a mantenere una buona qualità del film lacrimale e sono particolarmente consigliate per chi soffre di secchezza oculare.

Le mandorle oltre alla vitamina E, sono ricche anche delle vitamine del gruppo B, in particolare è presente la riboflavina, o vitamina B2, e lo zinco che sono dei potenti antiossidanti. Le mandorle sono un ottimo alleato per la prevenzione della cataratta e della maculopatia degenerativa senile.

Mandarini e clementine

Mandarini e clementine chiudono quasi sempre i pasti durante il mese di dicembre.

La vitamina C, contenuta negli agrumi, aiuta a stimolare la funzione del nervo ottico e a riparare i tessuti danneggiati, contribuendo alla prevenzione delle patologie oculari legate all’età, ma anche del glaucoma, delle infezioni e ulcere corneali.

Fichi secchi

I fichi secchi sono un altro frutto onnipresente nei cesti di Natale.

Sono ricchi di retinolo, la vitamina A, che stimola le cellule della retina e quindi l’acutezza visiva. La carenza di vitamina A, se molto grave può danneggiare la vista e portare alla cecità.

Se li acquistate, leggete l’etichetta ed evitate quelli che hanno zuccheri aggiunti. Potete anche prepararli a casa nel forno. I fichi secchi sono molto calorici e hanno una quantità di zuccheri elevata. Sono sconsigliati per chi soffre di obesità e diabete.

Lenticchie

Le lenticchie sono ricche di proteine e sono un ottimo alimento per combattere colesterolo, iperglicemia e diabete. Andrebbero mangiate spesso durante tutto l’anno.

Nel periodo di Natale non devono mancare a Capodanno o il primo dell’anno, perché le lenticchie vengono considerate di buon auspicio per l’anno nuovo. Si pensa portino denaro e fortuna.

Le lenticchie sono benefiche per la vista perché contengono gli isoflavoni, dei fitonutrienti simili agli estrogeni, che hanno anche un’ottima azione antiossidante. Contribuiscono quindi alla rigenerazione delle cellule e a combattere i radicali liberi.

Cioccolato e torrone

Il cioccolato fondente, o meglio il cacao, è ricco di flavonoidi che hanno una funzione protettiva sulla cornea. Il cioccolato migliora poi la circolazione del sangue e questo potrebbe avere un effetto sulla funzione retinica. Pare quindi che il cioccolato fondente possa migliorare la capacità visiva. Tuttavia, altri studi più recenti presentano pareri contrastanti sui benefici del cacao.

Il cioccolato contiene anche zinco in buona quantità che aiuta ad assorbire la vitamina A, utile a stimolare l’acutezza visiva.

Il torrone, se preparato seguendo la ricetta tradizionale è un dolce calorico ma fatto con ingredienti di alta qualità nutrizionale.

È sempre bene prediligere il torrone naturale, fatto solo con albume d’uovo, miele, zucchero e mandorle.

L’albume d’uovo è ricco di vitamine del gruppo B e altre proteine che contribuiscono al buon funzionamento del metabolismo e alla rigenerazione cellulare, mentre noci e mandorle abbiamo visto che contengono numerose vitamine e acidi grassi, utili al benessere oculare.

Vino rosso

Il vino rosso ha una elevata concentrazione di resveratrolo, una sostanza prodotta dalle piante per proteggerai da funghi e batteri. Il resveratrolo sembrerebbe avere una funzione protettiva della retina dallo stress ossidativo e quindi contribuirebbe alla prevenzione della maculopatia senile.

Si consiglia di bere un bicchiere di vino rosso durante i pasti principali. L’alcol è però una sostanza cancerogena ed è bene non esagerare nel consumo di bevande alcoliche.

Questi sono i sei cibi che potete aggiungere al carrello della spesa durante le vacanze di Natale, senza essere divorati dai sensi di colpa.

Ricordiamo che le porzioni sono sempre un aspetto importante da tenere sotto controllo, per non esagerare con le calorie, anche se a durante le feste si fa sempre più fatica.

Per restare aggiornati sulle novità e altre info sull'attività del Centro Oculistico Sardo, potete seguire la nostra pagina Facebook o il nostro profilo Instagram.

0
0
0
s2sdefault