Refrattiva: le tre tecniche per la correzione dei difetti visivi a confronto

La chirurgia refrattiva è l’unica soluzione che permette di correggere in maniera definitiva i difetti visivi con l’uso della tecnologia laser. Nei precedenti articoli abbiamo analizzato ciascuna tecnica, PRK, femto-LASIK e ReLEx-SMILE, ma vogliamo mettere ora le tre tecniche a confronto, per chiarire i dettagli e capire quale tecnica può essere più idonea in base alle proprie esigenze, fermo restando che l’idoneità a ciascuna tecnica viene stabilita con la visita oculistica preliminare.

PRK

La tecnica PRK è la più datata ma estremamente efficace e sicura, con un follow up superiore a tutte le altre tecniche, dal momento che è stata eseguita a partire dal 1984. La PRK è la più versatile delle tre tecniche, perché può essere effettuata anche su cornee particolarmente sottili e occhi infossati, per correggere miopia e astigmatismo. I tempi di recupero sono più lunghi e la sintomatologia operatoria come rossore, bruciore, lacrimazione, fotofobia e secchezza possono durare per qualche giorno dopo l’intervento. La PRK infatti, nonostante sia considerata una tecnica mini-invasiva, comporta la disepitelizzazione della della cornea (l’asportazione dello strato più superficiale della cornea) con una spatola, prima della correzione con il laser ad eccimeri, e quindi un processo di guarigione più lungo. Anche il recupero della vista avviene più lentamente, ma generalmente si nota un miglioramento già nella prima settimana.

A chi è consigliata la tecnica PRK?

  • A chi presenta una miopia non superiore alle 8 diottrie e con astigmatismo miopico non superiore alle 6 diottrie
  • A chi presenta una cornea sottile o una morfologia dell’occhio non adatta alle altre tecniche
  • A chi non ha urgenza di riprendere l’attività fisica o lavorativa nel brevissimo periodo
  • A chi ha un budget di spesa limitato

Femto-LASIK

La Femto-Lasik è la tecnica di chirurgia refrattiva più frequentemente scelta dai pazienti che risultano idonei per tutte e tre le tecniche. Questa tecnica è utilizzata già da 27 anni e sono stati effettuati oltre 40 milioni di intervento nel mondo, risulta perciò sicura e comprovata nel correggere miopia, astigmatismo ed ipermetropia. La correzione del difetto visivo avviene con il laser ad eccimeri, ma si utilizza inizialmente il laser a femtosecondi, il più recente e preciso sul mercato, per creare uno sportello sulla cornea, il “flap”, attraverso il quale ripristinare la corretta messa a fuoco. L’incisione con il laser a femtosecondi è meno invasiva della procedura di depitelizzazione della cornea e questo consente una cicatrizzazione più rapida e con pochi fastidi post-operatori, che scompaiono dopo 24-48 ore nella maggior parte dei casi. Bisogna in ogni caso prestare attenzione alla protezione degli occhi perché il flap creato con il laser a femtosecondi viene riappoggiato sulla cornea per una cicatrizzazione priva di punti.

A chi è consigliata la tecnica Femto-LASIK?

  • A chi presenta una miopia fino a 10 diottrie, astigmatismo fino a 6 diottrie ed ipermetropia fino a 4 diottrie
  • A chi presenta una cornea di buono spessore
  • A chi vuole limitare i fastidi post-operatori a pochi giorni dopo l’intervento
  • A chi ricerca una soluzione rapida ed efficace con costi moderati

ReLEx SMILE

La ReLEx SMILE è la tecnica più recente ed innovativa, eseguita da 7 anni. Consente di correggere miopie elevate con tempi di recupero brevissimi e fastidi post-operatori minimi, che spariscono dopo poche ore dall’intervento. Questa tecnica viene eseguita esclusivamente con il laser a femtosecondi in pochissimi minuti e l’incisione di soli 2-3 mm consente un risparmio dell’80% delle fibre nervose rispetto alla LASIK e dunque una guarigione rapidissima. La tecnica SMILE viene infatti considerata la più mini-invasiva delle tre. Si nota un miglioramento della vista già subito dopo l’intervento nella maggior parte dei casi e già dopo 24 ore è possibile riprendere qualsiasi tipo di attività.

A chi è consigliata la tecnica SMILE?

  • A chi presenta miopie elevate fino a 10 diottrie con astigmatismo miopico fino a 5 diottrie
  • A chi ha una morfologia dell’occhio e della cornea ottimale
  • A chi desidera riprendere il prima possibile l’attività fisica e lavorativa come ad esempio atleti professionisti e chi lavora prevalentemente al pc ma anche a chi soffre di secchezza oculare o ha una bassa soglia del dolore
  • A chi ha vuole optare per un trattamento innovativo per evitare il rischio di fastidi post-operatori prolungati, senza limiti di budget.

Il Centro Oculistico Sardo riprenderà la regolare attività ambulatoriale a partire dal 3 settembre, ma chi desiderasse prenotare una visita oculistica per valutare l’idoneità all’intervento di chirurgia refrattiva può chiamare già da ora la nostra segreteria allo 079232532 o lasciare i recapiti sul nostro form o in un messaggio privato sulla nostra pagina Facebook e verrà ricontattato al più presto.