la-vista-nei-bambini-tutto-quello-che-ci-e-da-sapere-prima-del-rientro-a-scuola.jpg

La vista nei bambini: tutto quello che c'è da sapere prima del rientro a scuola

La vista è uno dei sensi più importanti nei bambini soprattutto a scuola, per favorire l’apprendimento e la crescita. Dato che è quasi tempo di tornare a scuola, abbiamo pensato di offrire qualche consiglio utile a genitori e nonni, ma anche alle maestre, che hanno un ruolo molto importante nello sviluppo del bambino, per tenere sotto controllo la vista dei più piccoli.

LA VISTA NEI BAMBINI

La vista nei bambini si consolida nei primi anni di scuola, anche se la capacità di distinguere i colori sopraggiunge già ai sei mesi di età. Si consiglia di effettuare la prima visita oculistica a sei mesi, soprattutto se si ha familiarità per ambliopia, il cosiddetto “occhio pigro”, o altri difetti di vista importanti e successivamente a 3 e 6 anni, prima dell’ingresso a scuola.

In questo modo si può intervenire tempestivamente per correggere eventuali difetti della vista, prescrivendo gli occhiali anche prima del compimento del primo anno. Un problema di vista non corretto o corretto male può compromettere l’apprendimento e l’impegno del bambino nello studio, nonché avere dei risvolti sul piano psicologico e nella socializzazione, nei casi più gravi.

QUALI SONO I DISTURBI PIù FREQUENTI

Esistono diverse patologie che possono manifestarsi nei bambini fin da piccolissimi e che si possono aggravare in età scolare. È importante prestare attenzione agli atteggiamenti del bambino, specialmente durante lo studio ed effettuare controlli periodici costanti. Le patologie più comuni nei bambini sono:

  • Strabismo: consiste nella perdita dell’allineamento degli occhi e un occhio tende verso la tempia (strabismo divergente) o verso il naso (strabismo convergente). Il bambino accusa una vista doppia, sfocata o traballante
  • Ambliopia: il cosiddetto “occhio pigro”, può essere legato allo strabismo, a difetti visivi diversi dei due occhi o congenita. Si manifesta con una ridotta acuità visiva ad un occhio, che richiede un maggiore “sforzo” all’occhio sano. Se non trattata tempestivamente, può compromettere il recupero della vista e la qualità della vita futura
  • Miopia: difetto refrattivo in cui la visione da lontano è sfocata. Tende ad aggravarsi durante l’età scolare e può continuare a peggiore durante gli anni di studio
  • Ipermetropia: difetto refrattivo in cui si ha una visione sfocata da vicino. In alcuni bambini può causare strabismo accomodativo per il costante sforzo nel tentare di mettere a fuoco gli oggetti o i testi
  • Astigmatismo: difetto refrattivo in cui la visione è in generale sfocata, soprattutto da lontano e gli oggetti non si distinguono in maniera chiara, perché ogni punto viene visto come una linea

ALCUNI SEGNALI DA NOTARE NEI BAMBINI

Oltre alle visite di controllo periodiche, si possono notare degli atteggiamenti nella vita quotidiana che ci possono far sospettare delle patologie della vista:

  • Mal di testa o torcicollo
  • Lacrimazione o arrossamento degli occhi
  • Avvicinamento al piano di lettura per scrivere o leggere
  • Rotazione eccessiva della testa durante lo studio
  • Chiusura di un occhio o entrambi per mettere a fuoco
  • Disinteresse per la lettura o cattivo rendimento a scuola
  • Vista annebbiata o sfocata
  • Sguardo disallineato
  • Difficoltà nell’evitare ostacoli e perdita di equilibrio

Se avete dubbi o domande in merito alla salute oculare dei vostri bambini, potete contattarci al numero 079 232532, scriverci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o lasciare un messaggio privato sulla nostra pagina Facebook.