Cosa aspettarsi il giorno dell'intervento di chirurgia refrattiva

Sapere cosa aspettarsi il giorno dell’intervento di chirurgia refrattiva è importante e contribuisce ad effettuare una scelta consapevole e serena. L’intervento di chirurgia refrattiva è un passo importante e, benché si tratti di un’operazione mini-invasiva, è bene conoscere esattamente di cosa si tratta, aldilà degli aspetti clinici e tecnici dell’intervento e della visita di idoneità esaminati nei precedenti articoli.

Prima del giorno dell’intervento è opportuno:

  • sospendere l’uso delle lenti a contatto per 20 giorni prima dell’intervento in caso di lenti morbide e 30 giorni in caso di lenti rigide
  • seguire la terapia domiciliare a base di colliri antibiotici
  • detergere gli occhi con le apposite salviette oftalmiche e non utilizzare make-up nelle 48 precedenti
  • non assumere alcol nelle 24 ore precedenti
  • non utilizzare profumi

IL GIORNO DELL’INTERVENTO DI CHIRURGIA REFRATTIVA

Il giorno dell’intervento è finalmente arrivato ed è normale sentirsi un po’ agitati. E’ il giorno in cui si dirà addio agli occhiali e alle lenti a contatto e nonostante si siano ricevute tutte le informazioni del caso, inclusi i risultati ottenibili e gli eventuali rischi, è perfettamente normale avvertire un po’ di tensione.

IL PRE- INTERVENTO

Il paziente si presenta al COS all’orario concordato con la segreteria e consegna il consenso informato firmato, ricevuto durante la visita di idoneità, a Patrizia o Manila, o alla dottoressa Irene. Viene fatto accomodare in sala d’attesa per qualche minuto finché non incontra il primo specialista, la dottoressa Irene o il dottor Calaresu, che verifica i parametri già stabiliti nella visita di idoneità e con un pennarello esegue, quando necessario, due piccoli puntini sugli occhi, utili al chirurgo durante l’intervento. In questa sede è possibile chiedere informazioni aggiuntive e chiarire dubbi non emersi durante la visita o la lettura del consenso informato.

Al paziente vengono poi somministrate delle gocce di collirio anestetico negli occhi e delle benzodiazepine sotto forma di gocce orali per aiutarlo a rilassare la muscolatura ed eliminare eventuali sintomi di ansia prima e durante l’operazione.

Manila accompagna il paziente al piano superiore, dove viene prima aiutato a indossare camice, cappellino e sovrascarpe monouso e poi accompagnato nell’ambulatorio chirurgico dove incontra il chirurgo che effettua l’operazione, la dottoressa Paola o il dottor Renato e spiega come procederà all’intervento. Il paziente viene quindi fatto distendere sul lettino operatorio del macchinario laser usato per l’intervento e viene guidato passo passo dalla voce del chirurgo che descrive le singole operazioni della procedura. Il chirurgo applica una mollettina (blefarostato) per tenere l’occhio aperto, in maniera totalmente indolore, dal momento che l’anestetico ha già iniziato a produrre i suoi effetti. E’ molto importante cercare di non strizzare le palpebre per non farsi infastidire dalla mollettina. Viene chiesto al paziente di fissare un puntino rosso e il chirurgo procede all’intervento in base alla tecnica concordata: PRK, Femto-Lasik o Relex-Smile.

IL POST-INTERVENTO

Una volta effettuato l’intervento, è possibile avvertire una sensazione di corpo estraneo nell’occhio, fotofobia e lacrimazione e dolore, sintomi che si attenuano in vari tempi in base alla tecnica utilizzata ed alla risposta individuale del paziente. Il chirurgo esegue un controllo con il microscopio operatorio per valutare le condizioni della cornea, successivamente il paziente viene accompagnato nella sala d’attesa da Manila, viene ricontrollato in uno degli ambulatori e può tornare immediatamente a casa con un accompagnatore, indossando gli occhiali da sole.

Nell’arco delle 24 ore il paziente non deve effettuare alcuna attività fisica e preferibilmente non lavorare, anche se nella maggior parte dei casi è possibile tornare alle attività quotidiane subito dopo l’intervento. È importante non indossare make up, non sfregare gli occhi, fare attenzione agli schizzi quando si fa la doccia e indossare sempre gli occhiali da sole all’esterno.

ALCUNI CONSIGLI UTILI SUL GIORNO DELL’INTERVENTO DI CHIRURGIA REFRATTIVA:

  • indossare un abbigliamento comodo
  • assumere i farmaci sistemici che sono parte di una regolare terapia
  • farsi accompagnare da un familiare o conoscente in quanto dopo l’intervento il paziente non sarà in grado di guidare

Chiunque desiderasse avere maggiori informazioni sulla chirurgia refrattiva o voglia richiedere una consulenza può contattarci al numero 079.232532, scriverci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o lasciare un messaggio privato sulla nostra pagina Facebook .

0
0
0
s2sdefault