chirurgia-refrattiva-la-visita-di-idoneita.jpg

Chirurgia refrattiva: la visita di idoneità

La visita oculistica è il primo passo per stabilire l’idoneità all’intervento di chirurgia refrattiva per la correzione dei difetti visivi. Per poter essere considerati dei buoni canditati per l’intervento laser, bisogna possedere oltre ai requisiti legali della maggiore età e la volontà di volersi sottoporre consapevolmente all’intervento, anche i requisiti fisiologici e morfologici dell’occhio. La visita oculista per l’idoneità è infatti l’unico modo per verificare che vi siano tutte le condizioni necessarie per la buona riuscita dell’intervento.

Continua a leggere

la-chirurgia-refrattiva-con-tecnica-prk.jpg

La chirurgia refrattiva con tecnica PRK

La tecnica PRK (Fotocheratotomia Refrattiva) è la prima procedura di chirurgia refrattiva approvata e utilizzata. Se da un lato presenta tempi di recupero più lunghi, la tecnica PRK ha anche numerosi vantaggi e a volte è l’unica tecnica applicabile, in base alla morfologia e spessore della cornea.

Continua a leggere

correggere-i-difetti-della-vista-con-tempi-di-recupero-brevissimi-la-tecnica-smile.jpg

Correggere i difetti della vista con tempi di recupero brevissimi: la tecnica SMILE

La SMILE è la più innovativa tecnica per la correzione dei difetti della vista ed è anche quella che garantisce tempi di recupero rapidissimi e pochissimi fastidi. SMILE sta per SMall Incision Lenticule Extraction, ad indicare proprio la piccola incisione necessaria per la correzione del difetto della vista. Grazie all’altissima precisione del laser a femtosecondi, è possibile operare con una incisione inferiore a 3-mm a fronte dei 20 mm circa necessari con la tecnica Lasik.

Continua a leggere

rossore-prurito-bruciore-sai-riconoscere-la-sindrome-dello-occhio-secco.jpg

Rossore, prurito, bruciore: sai riconoscere la sindrome dell'occhio secco?

Si stima che alcuni sintomi riconducibili alla sindrome dell’occhio secco, il cosiddetto dry eye, siano presenti in circa il 65% della popolazione. I principali fastidi che possono far sospettare la sindrome dell’occhio secco sono rossore, sensazione di corpo estraneo o scarsa lubrificazione dell’occhio, prurito, difficoltà ad aprire le palpebre al mattino, fotofobia e anche annebbiamento della vista. Spesso, anche se può sembrare strano, si associa ad iperlacrimazione.

Continua a leggere

Questo sito utilizza i cookies per facilitarne la navigazione ed il funzionamento. Utilizzandolo si accettano le modalità attuali.