Settembre: come prendersi cura della salute oculare dopo le ferie

Settembre: come prendersi cura della salute oculare dopo le ferie

Settembre è il mese in cui finiscono le ferie, i bambini riprendono l’attività scolastica e si ricomincia con la routine della vita lavorativa e familiare.

Tra i vari impegni ci sono in genere anche le visite di controllo e i check up, specialmente se avete trascurato qualche sintomo durante l’estate. La vista non fa eccezione.

I DISTURBI OCULARI PIÙ COMUNI DOPO L’ESTATE

Spesso durante le vacanze si notano alcuni fastidi agli occhi causati dall’esposizione al sole. Altre volte alcune attività come sport, nuotate e lettura possono far emergere difetti visivi di cui non vi eravate accorti prima.

Alcuni disturbi comuni durante le ferie sono:

  • Congiuntivite
  • Secchezza oculare
  • Cheratite
  • Calo della vista
  • Intolleranza alle lenti a contatto

I raggi solari sono poi un fattore di rischio per patologie più gravi, come cataratta e maculopatia che possono compromettere la buona visione se non diagnosticate e trattate in tempo.

Spesso il sole, ma anche la salsedine e il vento, possono scatenare o peggiorare alcune condizioni preesistenti come la congiuntivite e la sindrome dell’occhio secco.

Come prendersi cura della salute degli occhi a settembre

Per prima cosa, se avete sintomi dolorosi e persistenti, è bene vedere uno specialista per una accurata diagnosi e prescrizione della terapia più adeguata. Evitate cure fai da te a casa.

Infiammazioni, secchezza e infezioni

Se i sintomi sono leggeri e notate ad esempio, che gli occhi si asciugano o sono leggermente arrossati specialmente dopo una giornata o un periodo al mare, indossate sempre gli occhiali da sole e provate ad usare un gel oftalmico senza conservanti a base di acido ialuronico per vedere se i sintomi migliorano. Se così non fosse, è meglio effettuare una visita oculistica. Rossore, prurito, dolore possono essere segni di infiammazioni o traumi della congiuntiva o della cornea.

Intolleranza alle lenti a contatto

Spesso al mare, con il sole, il vento e la necessità di portare le lenti a contatto per molte ore di seguito, è frequente sviluppare un’intolleranza alle lenti a contatto A volte può essere un piccolo fastidio, magari avete notato che gli occhi si arrossano o si asciugano facilmente, a volte i sintomi possono essere intensi al punto che non riuscite proprio più ad indossare le LAC. Si consiglia di sospenderne l’uso e se i sintomi persistono è bene sentire il parere dell’oculista per la prescrizione di una terapia e la valutazione di altre opzioni per la correzione del difetto visivo.

Calo della vista

Se mentre facevate il vostro consueto Sudoku o leggevate l’ultimo libro acquistato sotto l’ombrellone, avete notato che la messa fuoco di testi e numeri aveva qualcosa di strano, è possibile che abbiate un difetto di refrazione. È probabile che stia insorgendo la presbiopia, se avete più di 40 anni, o che il vostro difetto visivo, se preesistente, stia peggiorando.

LA VISITA OCULISTICA

La visita oculistica è il modo più completo e ottimale per verificare lo stato di salute degli occhi e non solo della vista.

Quali esami include?

La vista oculistica al Centro Oculistico Sardo include una serie di test ed esami approfonditi con una strumentazione di ultima generazione. Ha una durata di circa 1 e mezza e oltre all’acuità visiva si valutano anche tutti i tessuti oculari:

  • Con la lampada a fessura si esaminano le ciglia ed i puntini lacrimali, la congiuntiva, la sclera, la cornea, l’iride, la pupilla ed il cristallino
  • Con la tonometria si misura pressione intraoculare
  • Con l’esame del fundus oculi si controlla la retina periferica, la macula e la testa del nervo ottico

LA VISITA DI IDONEITÀ ALLA CHIRURGIA REFRATTIVA

Se quest’estate, le ore sul sup, le nuotate e lo snorkeling, o il dovervi costantemente portare dietro la soluzione salina e il kit delle lenti a contatto in viaggio, vi hanno portato a dire basta ad occhiali e LAC, la chirurgia refrattiva è la soluzione che state cercando.

La visita di idoneità è il primo passo per capire se siete dei buoni candidati. Ed è anche un’ottima occasione per un controllo dello stato di salute dell’intero occhio. Include infatti tutti gli esami di una normale visita oculistica, con alcuni esami specifici:

  • L’esame della refrazione in ciclopegia, ossia con la dilatazione delle pupille per valutare con maggiore precisione il difetto visivo
  • La topografia corneale per verificare che lo spessore corneale sia sufficiente a tollerare la correzione con il laser
  • Il test della lacrimazione per accertarsi che una eventuale secchezza oculare non sia un fattore di rischio di complicazione postoperatoria

La visita dura circa due ore e al termine durante il colloquio con il chirurgo oculare, scoprirete se è possibile effettuare l’intervento e quale tecnica per la correzione di miopia, astigmatismo, ipermetropia e presbiopia è necessaria.

Se desiderate maggiori informazioni sulla chirurgia refrattiva o volete prenotare un appuntamento per la visita di controllo autunnale, chiamateci allo 079232532, compilate il form sul nostro sito web o lasciate il vostro nome, cognome e numero di telefono in un messaggio privato sulla nostra pagina Facebook per essere ricontattati.

CONDIVIDI
Pin It