Correzione della presbiopia: la visita e il test Presbyond®

Correzione della presbiopia: la visita e il test Presbyond®

La visita di idoneità è il primo step per intraprendere il percorso della chirurgia refrattiva. Nella correzione della presbiopia, il difetto di vista fisiologico che si manifesta dopo i 40 anni, la visita oculistica pre-chirurgica assume ancora più importanza.

PERCHÉ È IMPORTANTE LA VISITA DI IDONEITÀ?

Una visita oculistica accurata è fondamentale per stabilire se esistono tutti i presupposti per la buona riuscita dell’intervento e quindi per la vostra soddisfazione.

Generalmente l’85% - 95% dei pazienti risulta idoneo alla chirurgia refrattiva.

Con la visita di idoneità non si valuta solo l’acuità visiva, ma anche:

  • la curvatura e lo spessore della cornea
  • la qualità del film lacrimale
  • lo stato di salute della retina e dell’intero occhio

Gli esami sono gli stessi per tutte le tecniche di chirurgia refrattiva.

Nel caso della Presbyond® si deve eseguire un ulteriore test per valutare la correzione, o meglio la differenza di correzione tollerata dal paziente, nei due occhi.

IL TEST PRESBYOND®

Il test Presbyond® è un esame specifico per calcolare l’ablazione, ossia la correzione del laser, in maniera personalizzata sulla base del quadro clinico e lo stile di vita di ogni paziente.

Si tratta di una simulazione in cui il paziente è invitato a valutare la visione che potrebbe ottenere dopo l’intervento.

Anisometropia e dominanza oculare

L’anisometropia e la dominanza oculare sono due parametri fondamentali per valutare l’entità della correzione in entrambi gli occhi.

L’anisometropia è la condizione in cui i due occhi hanno una refrazione diversa.

La capacità di tollerare questa diversità di correzione dopo l’intervento con Presbyond® è ciò che consente la buona riuscita della correzione.

La dominanza oculare serve a stabilire quale occhio viene usato più frequentemente per mettere a fuoco.

L’occhio dominante viene in genere corretto per avere una visione ottimale nella lunga distanza, l’altro occhio nella breve, con una correzione miope.

La capacità di tollerare questa differenza dipende dall’adattamento alla nuova visione a livello neuronale, che generalmente è molto più rapido con la Presbyond® rispetto alla monovisione.

Con la tecnica Presbyond®, la correzione laser combina una piccola percentuale di anisometropia, non superiore a 1.5 diottrie, con un livello calcolato di aberrazione sferica, per incrementare la profondità di campo.

PERCHÉ È IMPORTANTE IL TEST PRESBYOND®

Durante il test Presbyond®, si valuta la tolleranza alla correzione, ma soprattutto potrete rendervi conto se il potenziale risultato della chirurgia refrattiva vi soddisfa.

Il chirurgo vi spiegherà cosa aspettarvi durante le fasi postoperatorie e il processo di adattamento alla nuova vista, che nei primi giorni potrebbe essere anche sfocata e instabile. Con il passare delle settimane il cervello si abitua alla nuova visione e a mettere insieme le informazioni provenienti dai due occhi. La qualità della vista migliora e si stabilizza.

Solo in alcuni casi può essere necessario usare degli occhiali per supportare la fase di adattamento o gli occhiali da lettura per i caratteri molto piccoli o per la guida notturna.

L’innovazione rispetto alla monovisione

La grande innovazione della tecnica Presbyond® rispetto alla monovisione con l’impianto di lenti intraoculari sta nell’agevolare la fusione della messa a fuoco sulla lunga e breve distanza e garantire una visione ottimale anche nella distanza intermedia.

Ecco perché viene chiamata Blended Vision, visione mischiata, fusa.

Questa fusione garantisce una qualità di visione continua, in 3D, su tutta la lunghezza del campo visivo ed è meglio tollerata dai pazienti.

Con la monovisione invece il cervello fatica molto di più ad accettare il processo di messa a fuoco sulla distanza intermedia, perché l’anisometropia è molto elevata e si crea una differenza di refrazione superiore.

Grazie alla personalizzazione della correzione, si possono raggiungere risultati eccellenti sia nei pazienti emmetropi, senza altri difetti di refrazione, che nei pazienti che oltre alla presbiopia presentano miopia, astigmatismo e ipermetropia.

Con la Presbyond® si possono correggere contemporaneamente nella stessa seduta anche gli altri difetti visivi.

Se avete dubbi o domande sulla tecnica di chirurgia refrattiva Presbyond® o desiderate prenotare la visita di idoneità con il test Presbyond®, potete scriverci un messaggio privato sulla nostra pagina Facebook o un’email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Vi risponderemo al nostro rientro dalla pausa estiva, dopo il 18 agosto.

0
0
0
s2sdefault